• L’atrio inferiore, definito nel passato erroneamente Chiesa inferiore o Cappella funeraria,
    è coevo alla soprastante Cappella di san Luca; diviso in due campate, separate da colonne monolitiche con bassi capitelli, aveva la funzione di luogo di smistamento per l’accesso
    ai vari ambienti del monastero.
  • La maggior parte delle decorazioni che rimangono visibili sono rappresentate da pietre scolpite, come le due figure di leoni rampanti, risalenti al XII secolo e parzialmente rovinate, poste nel portale d’ingresso, e il sarcofago seicentesco, in marmi commessi, conservato nell’attuale cappella a piano terra, che custodiva il corpo di san Guglielmo.
  • Dal 1973, prima con l'intervento diretto del Ministero dei Beni Culturali e, in seguito, con quello della Soprintendenza delle Belle Arti di Avellino e Salerno, l'intera struttura è stata completamente restaurata
  • La chiesa Grande fu edificata tra il 1735 ed il 1745 su disegno dell'architetto napoletano Domenico Antonio Vaccaro: si presenta priva sia della copertura, in parte crollata e in parte distrutta da un incendio, sia degli archi in pietra, crollati a seguito del terremoto del 1980.
  • La torre Febronia
    così chiamata dal nome dell'abbadessa che ne volle la costruzione nel 1152
PERCORSI
Atrio Inferiore
Cappella San Luca
Chiesa Vaccaro
Chiostro
Torre Febronia
Casali
Scarica guida in PDF
Abbaiza del Goleto
Goleto abbazia
Soluzioni per vendere online ad Avellino
Soluzioni per vendere online a Benevento
Soluzioni per vendere online a Benevento